Storia Industriale

Scopri di più

Galileo: storica industria di Battaglia Terme, ai piedi dei Colli Euganei e del canale pensile.
Nella seconda metà dell’800, circa 20 anni prima della liberazione del Veneto dal dominio asburgico, la famiglia austriaca Wimpffen era venuta in possesso di ingenti strutture di Battaglia: lo stabilimento termale, villa Selvatico, il mulino, l’opificio del maglio. Quest’ultimo diventa proprietà di Francesco Rinaldi nel 1901, per lascito testamentario del conte Vittorio Wimpffen, dei cui beni il Rinaldi era stato valido amministratore

1902

Il 15 gennaio Francesco Rinaldi fonda la ditta omonima. Abile e intraprendente, nel giro di qualche anno, egli trasforma la vecchia officina in uno stabilimento industriale di costruzioni meccaniche.
  

1912

Lo Stato italiano, impegnato nella guerra in Libia, ritarda troppo i pagamenti alla ditta di Francesco Rinaldi, nominato Cavaliere del Lavoro nel 1908. I dipendenti non ricevono il salario e si fa avanti la minaccia di fallimento. Il cav. Rinaldi non regge e sceglie la via del suicidio.

1913

Un possidente di Battaglia, il conte Edoardo Corinaldi, diventa mecenate della ricostruzione industriale e presidente della nuova azienda:

“OFFICINE di BATTAGLIA”

I condizionamenti della 1^ guerra mondiale:

1915

Le Officine di Battaglia divengono, per necessità belliche, un centro di produzione di proiettili.

1917

La disfatta di Caporetto pone la fabbrica in condizioni di sicurezza precaria. Le autorità militari dispongono il suo trasferimento a  Prato. Molti dipendenti, anche con la propria famiglia, emigrano in Toscana.

1931

Incorporazione delle OFFICINE di BATTAGLIA nelle OFFICINE GALILEO di Firenze. Entrambi le aziende erano controllate dalla SADE (Società Adriatica di Elettricità). Essendo la Galileo di Firenze specializzata negli apparecchi ottici, porta anche Battaglia a partecipare in tale produzione.
Osservatorio astronomico di Asiago: la cupola è costruita a Battaglia, il telescopio a Firenze.
  

I condizionamenti della 2^ guerra mondiale:

Come già in occasione del primo conflitto mondiale, la Galileo è un’azienda che produce per la guerra e quindi viene protetta.

1943

Dopo l’armistizio italiano dell’8 settembre, lo stabilimento di Firenze si trova troppo vicino al fronte bellico. Il Comando tedesco decide il suo trasferimento al nord, e principalmente a Battaglia. Macchine e uomini, dalla Toscana risalgono in Veneto.

1944

Lo stabilimento e l’intero paese di Battaglia, troppo importanti e strategici, vengono ripetutamente bombardati dagli Alleati. Disastrose per le Officine sono le incursioni aeree del 30 e 31 ottobre.
 
Nel dopoguerra le Officine Galileo decidono di riprendere il settore di produzione relativo agli apparecchi elettrici per Media e Alta Tensione. I progetti iniziali sono dell’ing. Giuseppe Scarpa e lo stabilimento specialista è quello di Battaglia. Le produzioni diversificate convincono la SADE a costituire, a Battaglia e Firenze, singole società autonome.

1949

Nascono le “OFFICINE ELETTROMECCANICHE GALILEO di BATTAGLIA TERME S.p.A.”
All’interno dello stabilimento battagliense vengono create due divisioni produttive:

Elettromeccanica
Meccanica e Carpenteria

1949

Apre il ponte sull’Adige a Boara Pisani (Padova). E’ una delle distruzioni belliche ripristinata dalla Galileo.

1951

Inaugurata la centrale idroelettrica di Soverzene (Belluno). Le linee ad alta tensione sono gestite da interruttori Galileo.

1962

Il Parlamento italiano legifera la nazionalizzazione dell’energia elettrica. L’ENEL, ente gestore
costituito allo scopo, sostituisce le varie imprese private, tra cui la SADE, che vengono liquidate.

1967

La SADE, e con essa la GALILEO di Battaglia Terme, vengono incorporate nella MONTEDISON. Poco dopo si apre il grande mercato nazionale di apparecchiature elettriche, con l’Enel unico committente e la Galileo fornitore privilegiato.
Il numero complessivo di dipendenti, per l’azienda di Battaglia, arriva all’apice storico: 1150.
Montedison è proprietaria di due complessi industriali aventi molte omonimie sotto il profilo produttivo: MAGRINI di Bergamo e GALILEO di Battaglia.

1973

Dalla fusione nasce la MAGRINI GALILEO, con sede a Bergamo e unità produttive a Savona, Bergamo, Stezzano, S. Pellegrino Terme, Battaglia Terme e Casavatore, in provincia di Napoli.
Reparto montaggio interruttori per alta tensione.                     Gru della Magrini-Galileo nel porto di Malta.

1975

Manifestazione sindacale: accanto a Luciano Lama, Bruno Bertin, segretario del Consiglio di Fabbrica e futuro sindaco di Battaglia Terme.
 

1978

Montedison cede il gruppo Magrini Galileo all’azienda BASTOGI.

1982

Inizia una fase discendente, con forte calo produttivo e conseguente cassa integrazione per i dipendenti, che viene applicata a rotazione.

1984

5 marzo: Magrini Galileo entra in amministrazione controllata.
21 agosto: Il tribunale di Bergamo accetta l’offerta di acquisto da parte di MERLIN GERIN (gruppo Schneider), azienda francese di Grenoble. L’acquisizione riguarda il solo settore elettromeccanico di Magrini Galileo, con un taglio occupazionale del 30%.Inizia l’ attività il 1° settembre:
Circa 250 dipendenti di Battaglia sono posti in cassa integrazione a zero ore. Entro il 1988 detti lavoratori, non collocati altrimenti, vengono assunti da Nuova Magrini Galileo.
La Divisione Carpenteria viene acquisita dal gruppo PACHERA e diventa MAGRINI
GALILEO MECCANICA.

2001 Nuova Magrini Galileo, in seguito ad accordi tra SCHNEIDER e l’azienda austriaca VA-TECH,  entra nel VA-TECH SCHNEIDER HIGH VOLTAGE GROUP.
2006

Il colosso industriale tedesco SIEMENS, dopo avere acquistato Nuova Magrini Galileo l’anno precedente, la mette in liquidazione.

2009

L’azienda ligure DEMONT s.r.l.,  fondata nel 1972, con sedi operative in Italia, Europa,     Africa e America del Sud, è la nuova proprietaria dello stabilimento elettromeccanico di Battaglia Terme. Complessivamente Demont ha 800 dipendenti e svolge attività molto variegate, nei campi dell’energia termica ed elettrica, della dissalazione, delle costruzioni meccaniche. A Battaglia prosegue la specializzazione relativa agli apparecchi per impianti ad alta tensione, con circa 200 dipendenti.
A cura dell’Associazione Nazionale Lavoratori Anziani (ANLA), sezione di Battaglia Terme
Per chi volesse leggere qualche storia divertente sulla vita in fabbrica alla Magrini Galileo, consigliamo il libro “Diario Metalmeccanico”, romanzo autobiografico e racconti semi-seri sulla vita in fabbrica; di Paolo Tessarotto. Per saperne di più:http://paolo.tessarotto.net.”

Pagina aggiornata il 13/11/2023

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2
Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2
Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2
Inserire massimo 200 caratteri