Regione Veneto

Cartello n. 3 Acero Saccarino


 
“ScopriAmo il Parco”                            n. 3

ACERO SACCARINO
Ciao! Il mio nome è Acero Saccarino, ma puoi chiamarmi anche Acero Argenteo. Provengo dagli Stati Uniti d’America, cresco molto velocemente e posso anche raggiungere i 30 metri d’altezza: per questo motivo, vengo spesso utilizzato come pianta ornamentale, sia nei parchi che nelle strade. I miei fiorellini sono davvero piccoli, di un colore giallo-verdastro, senza alcun petalo; mentre i miei frutti si chiamano SAMARE. Sembrano delle piccole ali, adatte a volare e a portare ovunque i semi contenuti al loro interno. Ho una corteccia grigio-bruna che con l’età si desquama.

Lo sapevate che…
Facendo bollire la mia linfa, ottenuta incidendo la corteccia, si può ricavare lo sciroppo d’acero? È un dolcificante naturale con un alto contenuto di sali minerali: provate ad assaggiarlo assieme ai pancakes!! (frittelle tipiche americane)
Vi presento i miei amici animali: i MAMMIFERI
La volpe ha una meravigliosa pelliccia e una coda molto folta che usa come cuscino per dormire e per stare comoda! La sua intelligenza è smisurata perché quando caccia si finge morta per riuscire ad ingannare e catturare la sua preda: per questo si dice “essere furbo come una volpe!”

Il pipistrello… Non aver paura! Raccontano diverse leggende su questa creatura così schiva e tenebrosa; in realtà è utile per l’uomo perché mangia tantissimi insetti, in particolare le zanzare. È l’unico mammifero che sa volare anche se non ci vede! Vive in ambienti scuri ed umidi, le sue ali somigliano ad un deltaplano e permettono di fare movimenti precisi e raffinati. Comunica con i suoi amici attraverso gli ultrasuoni: l’uomo non può sentirli.
Il riccio è un animale notturno. Potrà sembrarti impacciato e insicuro ma saprà sorprenderti con le sue capacità: non solo sa correre ma anche nuotare! È famoso per i suoi 6.000 aculei pungenti che cambiano colore a seconda della stagione e che lo difendono dagli attacchi di altri animali: quando percepisce il pericolo, si “chiude a riccio”, diventando una specie di palla. È l’unico insettivoro che in inverno cade in letargo; in autunno fa grandi abbuffate per potersi preparare al lungo sonno.
      Nel Parco puoi trovare anche altri         
      mammiferi: la FAINA, la DONNOLA, il GHIRO,          
      la LEPRE, la TALPA,   il TOPO CAMPAGNOLO, e  
      l’ARVICOLA.
UCCELLI
Il picchio verde è un uccello diurno, golosissimo di larve e termiti: ne mangia fino a 1000 al giorno e le cattura perforando le cortecce degli alberi con il suo becco forte  e appuntito. È come un trapano: pensa,  può dare 15-16 colpi al secondo! Costruisce il nido nei buchi che scava negli alberi      ai quali si aggrappa con dita uncinate e robuste; la sua bellezza è data dal vivace  colore verde e dalla simpatica cresta rossa.
L’allocco è un rapace notturno, proprio come i gufi e le civette; con i colori del suo piumaggio può mimetizzarsi con la corteccia degli alberi per sfuggire all’attacco dei predatori, mentre il becco adunco e i forti artigli lo rendono un formidabile cacciatore: è ghiotto soprattutto di topolini. Vola senza far rumore e gode di un’ottima vista notturna grazie ai suoi grandi occhioni gialli. Può raggiungere un’apertura alare di circa 1 metro.
Il Martin pescatore è un uccello migratorio di piccole dimensioni, la coda quasi non si vede ma i colori vividi del suo piumaggio lo rendono simile alle specie esotiche: blu elettrico su ali e dorso, arancione su petto e ventre. Con il suo becco usato come un arpione, cattura piccoli pesci tuffandosi velocissimo nell’acqua, confondendosi con i suoi riflessi.
       Nel Parco puoi trovare anche molti altri uccelli:  
       l’ASSIOLO, la CIVETTA, il GUFO, il BARBAGIANNI, il
       GHEPPIO lo SPARVIERE, il GERMANO REALE, l’AIRONE
       CENERINO, la GARZETTA, la GHIANDAIA, la GAZZA, la
       CORNACCHIA, il CUCULO, il PICCHIO ROSSO,
       l’USIGNOLO, il PIGLIAMOSCHE, la CINCIALLEGRA,
       la CINCIARELLA, la BALLERIA BIANCA e GIALLA,
       il CODIBUGNOLO, il RIGOGOLO,  la CAPINERA,
       il FRINGUELLO, il LUI’ PICCOLO, il VERDONE,
       il VERZELLINO.
INDOVINA INDOVINELLO
Sono l’iniziale di un animale che anche se sbatte la testa tante volte non se la rompe!!

 
Se vuoi ascoltare la mia voce    o leggere in inglese  , scannerizza e utilizza questo codice: 

If you want to listen to my voice 
  or read in English   , scan this code: 
torna all'inizio del contenuto