Comune di Battaglia Terme

Comuni Gemellati

Battaglia Terme Comune gemellato con:
 
Möhringen-Tuttlingen Bischofszell Waidhofen an der Ybbs
Germania Svizzera Austria
 
Il Gemellaggio.
 
Storicamente il gemellaggio fra città nasce all'indomani della seconda guerra mondiale, quando i popoli del continente europeo sentirono la necessità di avvicinarsi reciprocamente e di cooperare per ricostruire la pace. Il gemellaggio è una scelta di solidarietà che risulta efficace quando coinvolge non soltanto i governi e le istituzioni delle città, ma si estende alle rispettive popolazioni ed in particolare ai giovani, promuovendo una cittadinanza attiva e partecipante.
Occorre inoltre sottolineare l'importanza del Comitato del Gemellaggio, che ne assicura la continuità oltre il mutare delle Amministrazioni locali. Composto da cittadini volontari, che lavorano localmente in aiuto del Comune e dell’Istituto Comprensivo scolastico, altro pilastro portante di questa iniziativa.
 
On line per essere più vicini.
 
Quest’anno si festeggia il 60° anniversario del gemellaggio tra Battaglia Terme e Möhringen.
 
Quando la mente ritorna al 1956 è palese che le maggiori difficoltà, di avvicinamento e reciproca conoscenza, consistevano nelle comunicazioni, dove il tempo e le distanze erano gli ostacoli da superare. I trasporti pubblici lenti e complicati, quelli privati disponibili solo per pochi.   Quando, con il nuovo secolo, sono arrivati i nuovi gemellaggi con austriaci (Waidhofen an der Ybbs) e svizzeri (Bischofszell), la situazione era già decisamente migliorata.
Ora però, grazie alle moderne tecnologie, le comunicazioni sono rapide e sicure. Per questo l’Amministrazione comunale di Battaglia Terme ha deciso di inserire, nel proprio sito informatico, uno spazio dedicato ai gemellaggi. Pagina web a disposizione di tutti i nostri cittadini, affinché ciascuno possa raccontare, e illustrare con foto o filmati, le proprie esperienze sul gemellaggio: gite, incontri, amicizie. Ci auguriamo che tutto ciò diventi un veicolo comunicativo soprattutto per i giovani, ora ai primi approcci con i coetanei d’oltralpe, e in futuro entusiasti continuatori e sostenitori dell’esperienza iniziata dai loro nonni.